Tradizione e passione: la magia dei canti polifonici corsi [VIDEO]

canti polifonici corsi

È una delle più antiche, quasi ancestrali tradizioni della Corsica. Tradizioni conservate ormai nei paesi più piccoli dell’isola del bellezza, che in onore dei cosiddetti paghjella potrebbe essere ribattezza come “l’isola del canto”. Questi sono i celebri canti polifonici corsi.

Caduti in disuso per diversi anni, i canti polifonici corsi stanno recentemente conoscendo un periodo di rinascita. Grazie soprattutto al lavoro di gruppi locali di musica popolare che hanno recuperato questa caratteristica tradizione dell’isola, conservandola e soprattutto promuovendola in giro per la Corsica.

I gruppi popolari ripropongono un antico repertorio fatto di canti di lotta, canti d’amore, lamenti funebri e canti passionali. E li eseguono accompagnandosi con gli strumenti che in passato venivano suonati dai pastori dell’isola: in particolare la cetera a 16 corde e la pivana, realizzata con il corno delle capre.

Di occasioni non ne mancano per ascoltare tali canti. Specialmente durante l’estate, quando diversi eventi animano la Corsica. Nei centri abitati più piccoli, quelli dove le tradizioni hanno ancora un ruolo importante nella vita degli abitanti, è possibile perdersi nelle melodie dei canti polifonici corsi.

È difficile capire e cogliere tutta la bellezza dei canti polifonici corsi senza ascoltarli (video caricato da PlanetCorsican):

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/bestfor

Articoli correlati