Pasqua 2016 in Corsica: devozione e tradizione della granitola di Calvi

granitola Corsica 2016

È una delle processioni religiose più caratteristiche della Pasqua in Corsica. Si svolge anche in altre città e paesi dell’isola della bellezza. Ma è a Calvi che la granitola assume un valore e un significato davvero speciali. Ecco perché.

 

La processione

La granitola si svolge il Venerdì Santo (25 marzo). La processione comincia alle 21:30, quando i penitenti partono dalla cattedrale di Saint-Jean-Baptiste. I penitenti sono accompagnati dai membri delle confraternite di Saint-Érasme e di Saint-Antoine: trasportano, rispettivamente, la statua di Christ allongé e la statua della Vierge des Douleurs.

 

I canti

Dalla cattedrale di Saint-Jean-Baptiste, la processione arriva fino alla chiesa di Sainte-Marie-Majeure, nella parte bassa della città. Durante tutto il tragitto, penitenti e confratelli intonano i canti tradizionali che riecheggiano per le stradine di Calvi: Atto di Contrizione, A Notre-Dame des Douleurs, Complainte à la Vierge, Passione, Implorations à la Vierge des Douleurs, Psaume de la Pénitence, A la Gloire de Marie.

 

La Cerca

La granitola è, per così dire, la parte finale di una processione molto più lunga: è la Cerca, che comincia alle 9:00 ed è portata avanti dai membri della confraternita di Saint-Antoine che, vestiti con cappucci grigi, portano in processione le statue di Christ allongé e della Vierge des Douleurs.

 

Il momento più bello

È sicuramente quando i cittadini di Calvi, per accompagnare la processione, pongono delle candele accese sui davanzali delle loro finestre.

 

U catenacciu

Durante la granitola di Calvi, l’uomo che porta la croce è incappucciato. Questo particolare è caratteristico anche di un’altra sentita processione religiosa còrsa: u catenacciu.

 

Fonte immagine: Par Pierre Bona — Travail personnel, CC BY-SA 3.0

Articoli correlati