Leggende della Corsica: l’occhio e la devozione di Santa Lucia

leggende della Corsica: l’occhio di Santa Lucia

Racconta la leggenda che Lucia era una giovane siracusana di nobile famiglia. Sua madre era affetta da una malattia incurabile. Lucia pregò con fervore la Vergine Maria chiedendole la guarigione. Il miracolo avvenne e la madre di Lucia guarì dalla malattia che l’avrebbe, altrimenti, condotta alla morte.

Lucia si consacrò anima e corpo alla Vergine Maria. La sua dedizione era talmente sconfinata che, per allontanare tutti i possibili pretendenti, si strappò gli occhi e li gettò in mare. Da allora, la giovane siracusana si dedicò completamente alla preghiera e ad aiutare gli altri.

Lucia compì diversi miracoli. La Vergine Maria, vedendo tutto questo, la ricompensò della sua devozione: le restituì la vista donandole degli occhi splendidi e luminosi. Quelli che in lingua corsa sarebbero chiamati occhji belli e lucentti.

Cosa c’entra l’isola della bellezza con questa leggenda? Fatevi un giro lungo le spiagge più belle della Corsica. Passeggiando sulla sabbia, noterete molti opercoli di conchiglia dalla forma tondeggiante chiamati Turbo Rugueux. La tradizione vuole che quelli siano gli occhi di Santa Lucia. Indossarne uno porta fortuna e, cosa più importante, tiene lontano il malocchio. Provare per credere.

 

Leggenda successiva: la bandiera del Moro

 

Fonte immagine: «Saint Lucy by Domenico di Pace Beccafumi» par Domenico Beccafumi — Web Gallery of Art:   Image  Info about artwork. Sous licence Domaine public via Wikimedia Commons

Articoli correlati