Tra cascate, laghi e foreste: escursione alle gole della Restonica

Restonica Corsica

Immaginate una valle lunga circa 15 chilometri e scavata dal lento scorrere di un fiume: foreste di pini che arrivano fino al letto del fiume, profonde valli incassate tra le montagne, cascate da cartolina, piccoli villaggi che aspettano solo di essere esplorati. Queste sono le gole della Restonica, nella Corsica centrosettentrionale.

 

Per chi sono consigliate

La descrizione del posto l’avete appena letta. E l’immagine in alto vale più di mille parole. Le gole della Restonica sono consigliate per tutti gli appassionati di trekking ed escursioni. È un percorso nella natura che si snoda tra il letto del fiume, rigogliose foreste, improvvise e spettacolari cascate, piscine naturali scavate nel granito dove è anche possibile fare il bagno.

E poi, ci sono i due punti più belli di tutte le gole della Restonica:

  • il lago di Melo, che si trova a circa dieci chilometri da Corte
  • il lago di Capitello, anch’esso a circa dieci chilometri da Corte: è il lago più profondo della Corsica

 

Come visitarle

A disposizione di chi ha scelto di visitare questo gioiello naturalistico della Corsica ci sono diverse possibilità:

  • C’è una strada lunga circa 14 chilometri che costeggia tutto il fiume. La strada è molto stretta e abbastanza tortuosa: in auto è sconsigliata ma gli appassionati di bicicletta e di motocicletta la troveranno sicuramente piacevole.
  • Dall’abitato di Corte partono diverse escursioni, in particolare durante il periodo estivo.
  • Potreste anche decidere di avventurarvi da soli lungo il corso del fiume ma, in questo caso, dovete essere degli escursionisti di una certa esperienza (ed essere sempre prudenti).

 

Come arrivare

Come già detto, le gole della Restonica cominciano subito dopo il centro abitato di Corte, che si trova esattamente al centro della Corsica. La principale strada che arriva qui è la N193, che collega Ajaccio a Bastia:

  • da Ajaccio ci vuole circa un’ora e mezza di auto
  • da Bastia ci vuole circa un’ora e venti di auto

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/hilberer

Articoli correlati