Corsica segreta: Un road trip primaverile sull’Isola della Bellezza

La primavera porta con sé un’irrefrenabile voglia di viaggiare: il Sole riscalda e la natura si risveglia, con i suoi colori e i suoi profumi. Se hai qualche giorno a disposizione e desideri visitare una destinazione insolita, fuori dagli itinerari turistici, allora dovresti prendere in considerazione la Corsica. L’isola della Bellezza, così chiamata per tutte le meraviglie che si possono scoprire, è tanto bella quanto selvaggia e incontaminata grazie alle tante oasi naturalistiche e i punti panoramici che includono il mare, le montagne e i boschi abbracciati dalla vegetazione mediterranea.
Se hai la possibilità di noleggiare un’auto o portarla con te, nell’articolo di oggi ti suggeriamo un road trip attraverso le tappe più insolite della Corsica, per viverla in modo autentico.

Corsica segreta, un road trip primaverile sull’isola della bellezza:

Noleggiare un’auto in Corsica: qualche consiglio

Il tour che proporremo in questo articolo può iniziare dal porto di Bastia, dopo essere sbarcato da uno dei traghetti verso la Corsica che partono dai porti di Genova, Livorno, Piombino, Nizza, Portoferraio e Tolone. Questi traghetti permettono di portare in sé la propria auto, una soluzione comoda e vantaggiosa per esplorare l’isola francese in piena libertà; in alternativa, è possibile noleggiare un’auto grazie alle tante compagnie di noleggio che offrono veicoli diversi per ogni esigenza, su misura. Questi servizi sono ubicati nei pressi dei porti e degli aeroporti della Corsica, in coincidenza con gli arrivi dei traghetti o degli aerei.

Ricorda che le distanze, in Corsica, ingannano: per via della conformazione del territorio, passare da una tappa a l’altra potrebbe prendere più tempo del previsto, le strade sono tortuosi e spesso stancanti da percorrere. Le curve e i tornanti, però, non tolgono il piacere di godere di percorsi panoramici incredibili: concediti qualche sosta per ammirare il paesaggio attorno a te!

Alla scoperta dei borghi del Boziu

Ci troviamo nel cuore della Corsica, nell’entroterra dominato dalle vette corse disseminato di una dozzina di bellissimi villaggi montani. Boziu è una regione votata all’agricoltura e all’allevamento, ma anche ricca di vigneti, campi di lenticchie, di grano e dei celebri castagneti che rendono famosa l’isola francese. È un territorio forse poco conosciuto ma caratterizzato da un grande valore culturale: una Corsica autentica molto lontana dalle mete tipiche dei turisti, che offre paesaggi straordinari immersi nella macchia mediterranea.
villaggi di Boziu sono connessi da una strada piuttosto lineare, a 20/30 minuti uno dall’altro. Tralonca, un borgo arroccato tra i monti del Niolu, Santa Lucia di Mercuriu e le sue strade acciottolate, il borgo di Alandu che ospita la statua del Sambucucciu d’Alando, un famoso generale e politico del XIV secolo: sono solo alcuni dei suggestivi villaggi che potrai visitare sulla sommità del Boziu, godendo del panorama del cielo e della natura, colori e profumi freschi che ti inviteranno a prenderti il tuo tempo e a rilassarti fino ad arrivare a Corte.

Tour attraverso i villaggi di Balagne

Da Corte, poco più di un’ora di viaggio ti separano dalla regione della Balagne, sul versante occidentale dell’isola. Un connubio di mare e montagna da lasciare davvero incantati. Le città principali di questa regione sono senza dubbio Calvì e Ile-Rousse, ma in questo itinerario avrai modo di passare attraverso i tantissimi villaggi arroccati sulle alture dell’entroterra che godono della vista del mare. Sono delle mete irrinunciabili per chiunque voglia esplorare una Corsica insolita e autentica. Questa zona è inoltre famosa per i tantissimi eventi culturali e folkloristici che vengono organizzati tutto l’anno e per un turismo molto più lento.

Lungo la strada potresti fare tappa a Feliceto, immerso tra gli ulivi, Belgodere e Speloncato. E poi ancora: MontegrossoCalenzana e Montemaggiore che offre una vista spettacolare sul golfo di Calvì.

Vuoi avvicinarti al mare? Passa per Sant’Antonino, uno dei borghi più belli della Corsica, arroccato a nido d’aquila a 400 metri d’altezza, per poi scendere verso Pigna, con le sue tipicità artigianali e gastronomiche, fino a raggiungere il villaggio abbandonato di Occi, per lasciare il tuo veicolo e goderti il silenzio di un borgo fantasma in cui il tempo si è fermato tra le buganvillee.

Terminato il tour attraverso i villaggi di Balagne, avrai l’occasione di visitare Calvì e Ile-Rousse, tra le località balneari più famose della Corsica, per concludere questo tour autentico e insolito.

Photo credits
Foto di cremona daniel da Flickr

Articoli correlati

15 Febbraio 2024

Cose Fare

Percorrere il GR20 di Corsica sugli sci lungo l’Haute Route

15 Gennaio 2024

Cose Fare

Corsica: cosa fare in un weekend a Porto Vecchio nel periodo invernale

7 Agosto 2023

Cose Fare

Trekking: i migliori itinerari per scoprire la Corsica a piedi

Scegli la Corsica: confronta i traghetti con TraghettiPer, prenota e risparmia

Metodi di pagamento
Certificazioni