Viaggio ad Alata, borgo del sud della Corsica

Scoprire la Corsica è un’esperienza a 360 gradi: ogni viaggiatore ha la possibilità di visitare le località più belle dal mare alla montagna, dalla natura rigogliosa ai borghi più belli d’Europa. Proprio tra questi ultimi esistono delle destinazioni lontane dal turismo di massa, ma che valgono l’organizzazione di una gira fuori porta dalle maggiori città corse. A pochi km da Ajaccio, attorno a vaste foreste di querce verdi e affacciato allo splendido golgo di Lava, il borgo di Alata offre la possibilità di godersi l’essenza autentica della Corsica e una passeggiata tra gli splendidi vicoli che hanno dato fama del conte Carlo André Pozzo-di-Borgo, un personaggio legato fortemente alla figura di Napoleone Bonaparte.

Viaggio ad Alata, borgo del sud della Corsica:

 

Alata, un piccolo villaggio da scoprire

Alata è un villaggio alle porte di Ajaccio, perfetto per una passeggiata immersa nei panorami montani ad un soffio dalla magnifica vista sul mare del Golfo di Lava. La sua vicinanza ad Ajaccio rende questo borgo una meta perfetta per una gita fuori porta, ed è per questa ragione che questa località ha assunto nel tempo una significativa importanza dal punto di vista del turismo.
Alata è nota anche per aver dato i natali alla famiglia del conte Carlo André Pozzo-di-Borgo, lo storico avversario di Napoleone, il sostenitore di Pasquale Paoli nell’indipendenza della Corsica e ambasciatore dello Zar di Russia Alessandro I.

Il Castello di Punta è proprio la testimonianza dell’importanza di questo personaggio storico, anche se l’edificio ad oggi non è visitabile. Vi si accede comunque tramite un bellissimo sentiero panoramico.

Alata è anche un villaggio suggestivo, in cui si possono ancora vedere case in pietra e lavatoi pubblici. La popolazione conta la presenza di diversi allevatori, agricoltori e produttori di squisite specialità corse, come i formaggi, il brocciu (un tipico latticino del territorio), i dolci della Confiserie de la Cité Impériale.

Cosa vedere ad Alata

L’attrazione più nota del villaggio di Alata è senza dubbio il Castello di Punta. Si tratta della ricostruzione di uno dei padiglioni del Palazzo delle Tuileries a Parigi, che andò bruciato nel 1871 e demolito nel 1882. Il castello fu eretto alla fine del XIX secolo, ma fu poi teatro di un incendio nel 1978 che distrusse la struttura e il tetto del castello. Da quel periodo fu chiuso al pubblico e oggetto di un lungo processo di restauro. Il Castello fu voluto dai discendenti di Carlo Andrea Pozzo di Borgo e, per edificarlo, furono utilizzare proprio alcune pietre provenienti dal Palazzo originale. A questo personaggio è dedicata anche una bellissima cappella funeraria.

Tra il centro del paese e la frazione di Alata Sarra è possibile visitare la chiesa di Saint-Pierre-des-Link costruita tra la fine del XVI secolo e l’inizio del XVIII secolo. All’interno si possono ammirare splendidi affreschi ispirati all’arte di Raffaello.

Dal punto di vista naturalistico, i viaggiatori amano passare il loro tempo sulla spiaggia che si affaccia al Golfo di Lava, composta da distese sabbiose e splendide insenature. È un sito protetto per la sua biodiversità.

Come raggiungere Alata

È possibile raggiungere il borgo di Alata approdando porto di Ajaccio grazie ad uno dei tanti traghetti verso la Corsica che partono da Porto Torres, in Sardegna. Le compagnia di navigazione Corsica Sardinia Ferries e Moby garantiscono massimo 2 corse a settimana e, a seconda del vettore e della compagnia di navigazione, possono avere una durata variabile da 3 ore e 30 minuti a oltre 4 ore.
Dal porto di Ajaccio è sufficiente percorrere la D61 e la D461 verso Alata. L’opzione più conveniente è imbarcare la propria auto in traghetto e portarla con sé oppure noleggiarla facilmente ad Ajaccio. In alternativa, si può usufruire di un servizio taxi. Il viaggio durerà solo 2 minuti.

In alternativa, se si proviene da altre località della penisola italiana, si può approdare al porto di Bastia senza fare scalo a Porto Torres. Si può partire dai porti di Genova, Livorno, Portoferraio, Piombino e Savona grazie alle tratte garantire dalle compagnie di navigazione Moby e Corsica Ferries. La durata del viaggio sarà molto variabile: massimo 11 ore si si parte dal porto di Savona, fino ad un massimo di 1 e 30 minuti se si parte dal porto di Portoferraio, ma le partenze sono garantitr tutto l’anno.

In quel caso, però, una volta approdati al porto di Bastia, sarà necessario attraversare la Corsica da nord-est a sud-ovest per giungere ad Alata. Il viaggio in auto sarà più lungo: 2 ore e 40 minuti.

È possibile prenotare un traghetto verso Ajaccio o verso Bastia tramite il comparatore di traghetti online TraghettiPer e con pochi, semplici clic: basta scegliere nei campi la tratta e il giorno di partenza, inserire numero di passeggeri ed eventuali veicoli e confrontare le soluzioni conveniente tra le varie disponibilità e individuare la soluzione perfetta per ogni esigenza

Photo Credits
Foto di Piombu da Wikimedia

Articoli correlati

4 Aprile 2024

Posti da Visitare

Una passeggiata alla scoperta della Valle dell’Asco

4 Marzo 2024

Posti da Visitare

Le mete più economiche della Corsica

9 Ottobre 2023

Posti da Visitare

Guida a Bonifacio nel sud della Corsica: spiagge e non solo

Scegli la Corsica: confronta i traghetti con TraghettiPer, prenota e risparmia

Metodi di pagamento
Certificazioni