Corsica del sud: alla scoperta di Osani

La Corsica è un’isola capace di attrarre varie tipologie di turismo: balneare, per le sue spiagge e il suo mare incontaminati; sportivo, per le varie attività outdoor praticabili; culturale, per la sua storia raccontata dai tanti borghi e villaggi; naturalistico, per la sua natura selvaggia da scoprire. Ci sono poi dei posti, lontani dalle mete turistiche più conosciute, che hanno la capacità di soddisfare tutte le esigenze dei visitatori in un solo colpo. Un esempio è il piccolissimo villaggio di Osani nella Corsica del Sud a pochi chilometri da Ajaccio.

A Osani in Corsica del sud:

Alla scoperta di Osani

Situato ai piedi del Monte Senino, Osani è il villaggio più a nord del dipartimento di Ajaccio. Distante da Porto circa una ventina di minuti, questo piccolo centro abitato affaccia sulle incantevoli acque del mar Mediterraneo e fa parte del Parco Naturale regionale della Corsica. A causa degli scontri tra i signori locali e delle incursioni dei pirati, il territorio di Osani rimase inabitato fino al XVIII secolo: il villaggio agricolo fu fondato a fine Settecento da pescatori che decisero di insediarsi. Oggi i residenti di questo piccolo borgo corso sono poco più di un centinaio e insieme alla frazione di Curzo e quella più celebre di Girolata sono mete turistiche molto apprezzate. Inserito in uno scenario naturalistico tutelato dall’Unesco poco distante dalle spiagge paradisiache del Golfo della Girolata, Osani invita i visitatori a vivere placidamente le proprie vacanze, magari ammirando le piccole barche dei pescatori ormeggiate al porto, l’imponente fortezza genovese o lo spettacolo offerto dalla Riserva naturale di Scandola.

Osani e dintorni

Il territorio di Osani è ricco di bellezze da ammirare, via mare, grazie alle tante crociere ed escursioni in barca organizzate in zona, via cielo su voli microlight e via terra su sentieri di trekking. Vicino a Osani si trova la piccola spiaggia di Gratelle che si estende lungo un’ansa di 200 metri tra calette e falesie pittoresche. All’interno della Riserva di Scandola si trova l’isola di Gargalo, disabitata, la cui vetta è dominata da una torre genovese del 1610. Il golfo di Girolata, accessibile in barca o lungo il sentiero che parte dal Col de la Croix, è l’ideale per un po’ di shopping, ma anche per una passeggiata lungo la spiaggia rossa di Tuara, dove spesso si incontrano mucche allo stato brado. Tappa poi ai suggestivi calanchi di Piana, raggiungibili in barca, in auto lungo la D81 o su vari sentieri escursionistici (Chateu Fort e Capo Rosso): un luogo tra i più suggestivi d’Europa dove scogliere di granito roseo si incontrano con l’indaco intenso del mare. Da non perdere nel territorio di Piana: il sito naturale di Capo Rosso, la torre genovese di Turghju e la chiesa di Sainte-Marie.

Photo Credits:

Foto di jackmac34 da Pixabay

 

Articoli correlati

25 Marzo 2024

Cose Fare

Corsica segreta: Un road trip primaverile sull’Isola della Bellezza

15 Febbraio 2024

Cose Fare

Percorrere il GR20 di Corsica sugli sci lungo l’Haute Route

15 Gennaio 2024

Cose Fare

Corsica: cosa fare in un weekend a Porto Vecchio nel periodo invernale

Scegli la Corsica: confronta i traghetti con TraghettiPer, prenota e risparmia

Metodi di pagamento
Certificazioni