Parc Galéa, il parco sensoriale dell’Alta Corsica

Alta Corsica, Bastia. Vi trovate in vacanza con la vostra famiglia e volete provare un’esperienza nuova? Parc Galèa è ciò che fa per voi. Un incantevole parco di nove ettari che ospita al suo interno musei, laboratori didattici e giardini paesaggistici, dove è possibile trascorrere momenti di puro divertimento, all’insegna della scoperta del patrimonio naturale e culturale della Corsica.

In Alta Corsica alla scoperta di Parc Galéa:

Cosa vedere a Parc Galéa

Situato a Taglio-Isolaccio, Parc Galéa è diventato nel giro di pochi anni un luogo culturale tra i più popolari di Corsica, contando oltre 70.000 visite annuali. Mostre permanenti e temporanee, installate nei padiglioni collegati tra loro da piccoli vialetti, illustrano, attraverso le più moderne tecnologie, la storia e la cultura dell’Isola della bellezza: fauna, flora, geologia dell’isola, paesaggi, architettura tradizionale, lingua, canti, credenze, riti e tradizioni, gastronomia tradizionale. Caratteristico del parco è il giardino botanico, al cui interno si trovano varie specie vegetali tipiche della Corsica e dell’area mediterranea, giganteschi alberi provenienti dalle aree tropicali, una collezione di 300 cactus, unica in Europa e ancora spezie a piante aromatiche. Particolarmente amato dai bambini è il percorso sensoriale di 600 metri lungo i quali è possibile camminare a piedi nudi su vari materiali, come sabbia, roccia, tronchi, palline di argilla, corteccia, paglia, segatura, pigne e fango. Il parco organizza anche laboratori per i bambini per conoscere attraverso attività ludiche le tradizioni locali o approfondire argomenti storici. Inoltre, Parc Galéa ospita molte conferenze e incontri incentrati su argomenti di interesse scientifico.

Da Parc Galéa verso la Castagniccia

Se vi trovate al Parc Galéa, potete partire da qui per esplorare la Castagniccia, regione incantevole ricca di paesaggi naturali incredibili, una delle più verdi di Corsica. I castagneti da cui prende il nome la regione vennero piantati in epoca medievale per garantire all’isola autosufficienza a livello alimentare, dalla castagna, infatti, può essere ricavata una farina che ancora oggi è un ingrediente cardine dalla cucina della Corsica. Una regione che si distingue dal resto dell’isola perché ha saputo conservare al meglio il carattere incontaminato proprio delle aree a scarsa urbanizzazione. La Castagniccia è l’area della Corsica più indicata per gli amanti delle attività outdoor e, più in generale, del turismo lento: si tratta di un luogo da esplorare con calma e tranquillità, senza fretta, lungo sentieri che si inerpicano su colline boscose.  Tra i villaggi più suggestivi ci sono Piedocre, Orezza, Campana, La Porta e Cervione, dove è possibile ammirare le case in pietra tipicamente corse. Cenno a parte merita Morosaglia, villaggio che diede i natali a Pascal Paoli, il padre del popolo corso, le cui gesta sono raccontate all’interno della sua casa natale oggi divenuta museo.

Photo credits:

Foto di Nabin K. Sapkota da Wikimedia

Articoli correlati

25 Marzo 2024

Cose Fare

Corsica segreta: Un road trip primaverile sull’Isola della Bellezza

15 Febbraio 2024

Cose Fare

Percorrere il GR20 di Corsica sugli sci lungo l’Haute Route

15 Gennaio 2024

Cose Fare

Corsica: cosa fare in un weekend a Porto Vecchio nel periodo invernale

Scegli la Corsica: confronta i traghetti con TraghettiPer, prenota e risparmia

Metodi di pagamento
Certificazioni