Vacanze archeologiche a Porto Vecchio

Situato a pochi passi dal Col di Bavella, Porto Vecchio, terza città di Corsica, è una delle mete turistiche più note dell’isola della bellezza. Una volta approdati al suo porto, troverai ad attenderti meravigliose spiagge ornate da pinete, fortificazioni genovesi e un centro storico tutto da scoprire. Ma il territorio di Porto Vecchio è anche costellato di siti archeologici da visitare per vivere un’esperienza alla Indiana Jones.
Alla scoperta dei siti archeologici nei dintorni di Porto Vecchio:

I siti archeologici di Tappa, Ceccia e Araghju

Porto-Vecchio, nota anche come “città del sale”, non offre solo spiagge tra le più belle di Corsica, ma anche alcuni siti archeologici di grande interesse storico che rivelano il lato più antico e misterioso dell’isola. In particolare sono tre i siti archeologici nei pressi di Porto Vecchio da visitare, distanti tra loro una ventina di chilometri, ovvero: Tappa, Ceccia e Araghju. Il viaggio può iniziare partendo all’uscita ovest della città, in direzione Sotta. Qui si trova il sito archeologico di Tappa che seppur vicino alla strada è nascosto dietro a un querceto. Dopo una passeggiata di dieci minuti, a un’altitudine di 60 metri, ti imbatterai in una cinta ciclopica che circonda un antico villaggio preistorico. Il sito di Tappa venne fortificato durante l’Età del Bronzo e oggetto di campagne di scavo all’inizio degli anni Sessanta, incentrate prettamente sulla ricostruzione di come si svolgeva la quotidianità degli abitanti di questo villaggio megalitico. Classificato come Monumento Storico, il luogo recentemente è stato coinvolto in nuove campagne di scavi, e probabilmente nei prossimi anni svelerà nuovi segreti. Tappa successiva è il sito archeologico di Ceccia. Dal centro storico del borgo prendi il sentiero che in una ventina di minuti ti condurrà al Casteddu de Ceccia, situato a 174 metri sul livello del mare. Costituito da una torre e da un monumento circolare di circa 12 m di diametro risalente del 1350 a.C., il sito di Ceccia fu abitato sin dal Neolitico fino al Medioevo, come testimoniano i vari strati rinvenuti durante gli scavi. Proseguendo verso nord, dopo l’abitato di Trinité, raggiungerai la frazione di Araghju. Lasciato il tuo veicolo, potrai proseguire a piedi, imboccando il sentiero che sale a Casteddu. Si tratterà di una passeggiata che ti richiederà più energia, per questo motivo assicurati di avere con te una borraccia. Arrivati al sito di Araghju, troverai un’antica fortezza costruita dagli antichi abitanti della Corsica, i Torreani, a circa 275 metri sul livello del mare. Per entrare all’interno del sito è necessario attraversare una “porta” di cui oggi rimane solo l’architrave e visitare i luoghi della quotidianità di questo complesso semicircolare di blocchi di granito dove gli abitanti si riunivano in caso di pericolo. Dalle alte rocce arroccate potrai, inoltre, osservare tutta la pianura e fino al mare, sino alle baie di Stagnolu e Saint-Cyprien.

Cosa fare a Porto Vecchio

Se ti trovi a Porto Vecchio, approfitta per fare un’escursione notturna alla scoperta dei luoghi di interesse storico-culturale della città corsa, per fare attività outdoor sul promontorio dell’Ospedale, tra cui l’escursione verso la cascata della Piscia di Gallu, alta 80 m, che si scopre dopo aver costeggiato la diga di Ospedale, e per visitare il caratteristico mercato di Lecci, dove ogni mercoledì mattina, sia d’estate che d’inverno, la pineta antistante l’ufficio turistico si anima di stand gastronomici e artigianali, dove potrai acquistare souvenir e prodotti tipici.

Photo credits:
Foto di Julian Nyča da Wikimedia

Articoli correlati

25 Marzo 2024

Cose Fare

Corsica segreta: Un road trip primaverile sull’Isola della Bellezza

15 Febbraio 2024

Cose Fare

Percorrere il GR20 di Corsica sugli sci lungo l’Haute Route

15 Gennaio 2024

Cose Fare

Corsica: cosa fare in un weekend a Porto Vecchio nel periodo invernale

Scegli la Corsica: confronta i traghetti con TraghettiPer, prenota e risparmia

Metodi di pagamento
Certificazioni