Il museo di Anton Dumenicu a Cervione

Tra i luoghi che raccontano la storia della Corsica attraverso attività museali volte alla riscoperta del passato agro-pastorale, c’è il Museo Anton Dumenicu Monti a Cervione, località che si trova nella parte centro orientale della Corsica. Il comune corso che dall’alto dei sui 350 m domina la pianura, si estende fino alla spiaggia di Prunete. Capitale del breve regno della Corsica e antica sede del vescovo di Aleria, Cervione è un borgo tranquillo, lontano dalle folle di turisti che ogni anno visitano il vicino e più famoso dito della Corsica. Fare tappa a Cervione al suo museo Anton Dumenicu Monti, vi permetterà di avere uno spaccato sulla vita quotidiana della società corsa del passato.

Al museo Anton Dumenicu di Cervione:

Il museo Anton Dumenicu Monti di Cervione

Il museo Anton Dumenicu Monti, che si trova all’interno della chiesa Sant’Erasmo, racconta in chiave etnografica la Corsica attraverso le sue 14 sale. Un’esposizione che si sviluppa su una superficie di 500m² composta da oggetti di ogni specie risalenti ai secoli XIX e XX: da oggetti della vita quotidiana a quelli legati al mondo della pastorizia, passando per gli arnesi adoperati in agricoltura e nell’artigianato; un insieme di utensili donato dagli abitanti di Cervione e delle zone limitrofe all’Associazione ADECEC, nata nel 1970 con lo scopo di promuovere gli studi archeologici, storici, linguistici e naturalistici del Centro-Est della Corsica. Nel museo ci sono anche vetrine dedicate ai minerali e altre dedicate ai ritrovamenti archeologici. Il museo di Cervone deve il suo nome al professore del collegio del borgo, Anton Dumenicu Monti, fondatore dell’associazione e grande appassionato della storia di questo territorio.

Cosa vedere a Cervione

Il borgo corso famoso per la sua nocciola, tutelata dal marchio di Indicazione d’Origine Protetta, è caratterizzato da un centro storico ricco di viuzze che vi daranno l’impressione di essere stati catapultati nel periodo della Belle Epoque, dove è possibile visitare alcuni luoghi di importante interesse storico-religioso. Ne è un esempio la chiesa barocca di Sant’Erasmo, tra le prime espressioni dello stile sull’Isola, risalente al XVIII secolo. Accanto alla chiesa si trovano il Palazzo Episcopale cinquecentesco e la casa dei canonici, edificata nel ‘600. Varie le cappelle da visitare: San Roccu a Pento, A Madonna di A Scupiccia entrambe del XVII secolo e la più recente Santa Rita a Prunete. Altra tappa è il convento di San Francesco del XVI secolo, confiscato durante la Rivoluzione francese e poi trasformato in prigione. Oggi numerosi eventi, concerti e festival. Sono poche le insenature che caratterizzano la zona, la più importante è la località protetta di Prunete, a 5 chilometri dal paese, una spiaggia graziosa, amatissima dagli abitanti di Cervione, dove sono presenti campeggi sparsi e un centro velico.

Photo credits:

Foto di Vulpachjinu da Wikimedia

Articoli correlati

4 Aprile 2024

Posti da Visitare

Una passeggiata alla scoperta della Valle dell’Asco

4 Marzo 2024

Posti da Visitare

Le mete più economiche della Corsica

9 Ottobre 2023

Posti da Visitare

Guida a Bonifacio nel sud della Corsica: spiagge e non solo

Scegli la Corsica: confronta i traghetti con TraghettiPer, prenota e risparmia

Metodi di pagamento
Certificazioni